29 apr 2012

Brano del giorno: "Old Shoes"...

... "(And Picture Postcards)" by Tom Waits






I'm singing this song, it's time it was sung
I've been putting it off for a while,
But it's harder by now, 'cause the truth is so clear
That I cry when I'm seeing you smile.
So goodbye, so long, the road calls me dear
And your tears cannot bind me anymore,
And farewell to the girl with the sun in her eyes
Can I kiss you, and then I'll be gone.


Every time that I tried to tell that we'd lost the magic we had at the start,
I would weep my heart when I looked in your eyes
And I searched once again for the spark.
So goodbye, so long, the road calls me dear
And your tears cannot bind me anymore,
And farewell to the girl with the sun in her eyes
Can I kiss you, and then I'll be gone.


I can see by your eyes, it's time now to go
So I'll leave you to cry in the rain,
Though I held in my hand, the key to all joy
Honey my heart was not born to be tamed.
So goodbye, so long, the road calls me dear
And your tears cannot bind me anymore,
And farewell to the girl with the sun in her eyes
Can I kiss you, and then I'll be gone.


So goodbye, so long, the road calls me dear
And your tears cannot bind me anymore,
And farewell to the girl with the sun in her eyes
Can I kiss you, and then I'll be gone.
Can I kiss you, and then I'll be gone, can I kiss you, and then I'll be gone.

22 apr 2012

Brano del giorno: 'Mind Games'

... di John Lennon, cover acustica con effetti vocali realizzata da Will Minnig



"Mind Games" by John Lennon
(1973)

We're playing those mind games together
Pushing the barriers, planting seeds
Playing the mind guerrilla
Chanting the mantra, peace on earth
We all been playing those mind games forever
Some kinda druid dudes lifting the veil
Doing the mind guerrilla
Some call it magic, the search for the grail

Love is the answer and you know that for sure
Love is a flower, you got to let it, you got to let it grow


So keep on playing those mind games together
Faith in the future, outta the now
You just can't beat on those mind guerrillas
Absolute elsewhere in the stones of your mind
Yeah we're playing those mind games forever
Projecting our images in space and in time

Yes is the answer and you know that for sure
Yes is surrender, you got to let it, you got to let it go

So keep on playing those mind games together
Doing the ritual dance in the sun
Millions of mind guerrillas
Putting their soul power to the karmic wheel
Keep on playing those mind games forever
Raising the spirit of peace and love

Love...
(I want you to make love, not war, I know you've heard it before)

15 apr 2012

Pink Floyd, 'Meddle', album intero



Pink Floyd - Meddle [Full Album]




La pietra angolare della loro fantastica discografia.


1. One of These Days - 0:00
2. A Pillow of Winds - 5:57
3. Fearless - 11:09
4. San Tropez - 17:17
5. Seamus - 21:00
6. Echoes - 23:16



ACHTUNG ATTENTION ATTENZIONE
"Video not available..." "Dieses Video ist in Deutschland nicht verfügbar..." "La visione di questo video non è ammessa" etc.

TRY THIS:
1) PROXY
2) Copy & Past following link: http://www.youtube.com/watch?v=wZx8jTNqCZQ

13 apr 2012

Brano del giorno: "Superstition"...

... di Stevie Wonder



La grettezza e la superstizione generano mostri. Oggi più che mai mi sento circondato da bestie cerebrolese.
Remembering (tra gli altri) Mia Martini.


Very superstitious, writing’s on the wall,
Very superstitious, ladders bout’ to fall,
Thirteen month old baby, broke the lookin’ glass
Seven years of bad luck, the good things in your past.

When you believe in things that you don’t understand,
Then you suffer,
Superstition ain’t the way

Very superstitious, wash your face and hands,
Rid me of the problem, do all that you can,
Keep me in a daydream, keep me goin’ strong,
You don’t wanna save me, sad is my song.

When you believe in things that you don’t understand,
Then you suffer,
Superstition ain’t the way, yeh, yeh.

Very superstitious, nothin’ more to say,
Very superstitious, the devil’s on his way,
Thirteen month old baby, broke the lookin’ glass,
Seven years of bad luck, good things in your past

When you believe in things that you don’t understand,
Then you suffer,
Superstition ain’t the way, no, no, no

11 apr 2012

Brano del giorno: "Echoes"...

... dei Pink Floyd. Il video è tratto dal DVD Remember That Night


"Echoes" è un brano di oltre 20 minuti scritto da Roger Waters, Richard Wright, Nick Mason e David Gilmour nel 1970 e inserito nell'album Meddle del 1971.
Il celebre "Seagull effect" ("effetto gabbiano"), che è una caratteristica sonorità dei Pink Floyd che in "Echoes" viene esemplarmente prodotta, è nata per l'errore di un roadie, che una volta collegò il pedale wah wah di David Gilmour invertendo l'ingresso con l'uscita. (Lo spiega meglio Giampaolo Noto: qui.) David ovviamente colse la palla al balzo e perfezionò il suono...


"This video is not rendered to the full quality extent of the DVD, does not include the full volume of the DVD and is presented for review only in the hopes the viewer will be pleased to the extent to promote the viewer to buy the full DVD."

09 apr 2012

Brano del giorno: "Summer Run" di Toufic Farroukh

Dal suo nuovo album Cinéma Beyrouth


Il compositore e sassofonista libanese Toufic Farroukh dedica l'ultimo suo album alla città che gli diede i natali: Beirut, appunto. In questo lavoro confluiscono tutte le influenze che segnarono la crescita del musicista durante i suoi lunghi anni di esilio: il suo è un jazz con tonalità folkloristiche o, come ha scritto qualcuno, "un appassionato jazz-funk arabo".



Toufic Farroukh su MySpace

Farroukh su last.fm



Discografia:

Ali on Broadway (1994)
Little Secrets (1998)
Drab Zeen (2002)
Ali on Broadway / The Other Mix (2004)
Tootya (2007)
Cinéma Beyrouth (2011)

08 apr 2012

Brano del giorno: "If Jesus..." Buona Pasqua!

"If Jesus Had to Pray What About Me", interpretato da Mother Willie Mae Ford Smith



1. Well if Jesus had to pray,
What about me, what about me?
Yes if Jesus had to pray,
What about me, what about me?
He had to fall down on bended knee,
Calling His Father, "Help me please!"
Lord if Jesus had to pray,
What about me, what about po' me?

2. In the Garden of Gethsemane
Jesus went low, on bended knee,
Calling His Father up in heaven,
"Help me please! Help me please!"
When His strength was almost gone,
Lord He bent down on the ground.
Yes if Jesus had to pray,
What about me, what about po' me?

3. And when they hung Him high, for all to see,
His heart was low as lonely can be.
He called on His Father,
"Why hast Thou forsaken Me?"
When His spirit had fallen down,
Must have felt lower than the ground.
Yes if Jesus had to pray,
What about me, what about po' me?

4. And as He died, there on Calvary,
Still he prayed, yes He prayed for you and me.
Calling His Father in heaven,
"Forgive them, please! Forgive them please!"
He looked in love, at the crowd around,
Hearts full of anger, or broken down.
Yes if Jesus had to pray,
What about me, what about po' me?

Tipico black gospel, lento e travagliato come la stessa Passione di Cristo, lanciato nel 1949 dallo Spirit of Memphis Quartet sull'etichetta King Records, ma cantato anche dal grande Robert Anderson.
Nel video sottostante lo stesso brano in un'altra intensa versione: dei Consolers.


06 apr 2012

Brano del giorno: "Venerdì Santo"...

... di Francesco Guccini


Il primo album di Guccini (che allora era giovane, sbarbato e non ancora... Guccini: nell'album è infatti semplicemente "Francesco") e già possiamo ascoltare tante sue pietre miliari. "Auschwitz" e "L'Antisociale" erano state interpretate anche dall'Equipe 84, mentre "Noi non ci saremo" venne lanciata dai Nomadi.
Chitarra, armonica e voce gli ingredienti principali di Folk Beat N. 1; arrangiamenti: quasi nulli, come nei primi lavori di Leonard Cohen.
Collaboratori di Francesco Guccini: Antonio Roveri (chitarra solista) e l'amico americano Alan Cooper (armonica e chitarra ritmica); quest'ultimo canta-parla la metà delle strofe di "Talkin' Milano".



Folk Beat N. 1 (1967)

▼Tracklist▼

Noi Non Ci Saremo
In Morte Di S.F. (Canzone Per Un'Amica)
>>> Venerdì Santo <<<
L'Atomica Cinese
La Canzone Del Bambino Nel Vento (Auschwitz)
Talkin' Milano
Statale 17
Il 3 Dicembre Del '39
La Ballata Degli Annegati
Il Sociale E L'Antisociale (L'Antisociale)



Venerdì Santo, prima di sera, c'era l'odore di primavera;
Venerdì Santo, le chiese aperte mostrano in viola che Cristo è morto;
Venerdì Santo, piene d'incenso sono le vecchie strade del centro
o forse è polvere che in primavera sembra bruciare come la cera.

Venerdì Santo, stanchi di gente, siamo in un buio fatto di niente
Venerdì Santo, anche l'amore sembra languore di penitenza
Venerdì Santo, muore il Signore, tu muori amore fra le mie braccia,
poi viene sera resta soltanto dolce un ricordo: Venerdì Santo...

Venerdì Santo, prima di sera, c'era l'odore di primavera;
Venerdì Santo, le chiese aperte mostrano in viola che Cristo è morto;
Venerdì Santo, piene d'incenso sono le vecchie strade del centro
o forse è polvere che in primavera sembra bruciare come la cera.

Venerdì Santo, stanchi di gente, siamo in un buio fatto di niente
Venerdì Santo, anche l'amore sembra languore di penitenza
Venerdì Santo, muore il Signore, tu muori amore fra le mie braccia,
poi viene sera resta soltanto dolce un ricordo: Venerdì Santo...

01 apr 2012

Brano del giorno: jazz...

... Billy Taylor plays Duke


Billy Taylor (1921-2010) fu un grande pianista e docente di musica che dedicò la sua vita al jazz e al blues.
Nato a Greenville (Carolina del Nord), ma cresciuto nella capitale degli USA, Washington, dopo gli studi nel 1944 si trasferì a New York dove, fin da subito, suonò il piano guadagnandosi da vivere. Fece parte del quartetto di Ben Webster sulla 52sima Strada e trovò un mentore in Art Tatum (altro virtuoso dei tasti bianchi e neri).
Dopo diverse esperienze - tra l'altro accompagnando Billie Holliday -, Taylor divenne l'house pianist del Birdland, dove poté suonare con (tra gli altri) Charlie Parker, J.J. Johnson, Stan Getz, Dizzy Gillespie e Miles Davis.
Nel 1952 compose uno dei suoi pezzi più famosi, "I Wish I Knew How It Would Feel to Be Free", divenendo figura di spicco del Movimento dei Diritti Civili.





Per Billy Taylor, il jazz è la forma musicale più adatta per raccontare la storia americana. "Se la ascolti veramente, se la studi, scoprirai che questa musica contiene tutto quello che occorre sapere sull'America."
La sua attività di insegnante lo portò in TV: divenne direttore musicale e protagonista della trasmissione della NBC The Subject Is Jazz, che durò 13 puntate e ospitò nomi quali Duke Elington, Aaron Copland, Bill Evans, Cannonball Adderley, Jimmy Rushing e Langston Hughes.
Negli Anni Sessanta lavorò come DJ e direttore dei programmi radiofonici di WNEW, mentre il Billy Taylor Trio si esibì più volte alla Hickory House sulla 55sima Strada West. Dal 1969 al 1972, Taylor fu anche direttore musicale del David Frost Show, dove fecero la loro apparizione Louis Armstrong, Count Basie, Benny Goodman Buddy Rich e molti altri straordinari jazzisti.
Nel 1981, la sua "Jazzmobile" (un locale-scuola creato da lui nel 1961) produsse una trasmissione speciale per la National Public Radio che ricevette il prestigioso Peabody Award per i programmi di alta qualità.
Nel 1988, la più grande tragedia della sua vita: gli morì il figlio Duane. Duane Taylor era, come il padre, un eccellente musicista.
Billy Taylor fu attivissimo fino al 2002, quando fu colpito da una trombosi; ma anche oltre si impegnò come musicista e docente.
Piacevolmente vasta l'eredità culturale lasciata da quest'uomo.




Billy Taylor Trio - What Is Jazz?

Dr. Billy Taylor (piano), Chip Jackson (bass), Steve Johns (drums)